venerdì 24 ottobre 2014

Multato in macchina perché in compagnia di una prostituta, ma era sua moglie

Certo che di storie strane sul web se ne leggono tante ma anche questa riportata dalla Nazione è paradossale. Un uomo è stato multato dai vigili perché sorpreso in macchina assieme a una prostituta ( qui tutto nella norma). Il fatto che quella donna era sua moglie. Solamente dopo una lunga trafila giudiziaria è riuscito a farsi annullare la multa: una di quelle anti lucciole.

Il protagonista è un 60 enne originario della Valdichiana, lei una 29 enne nigeriana. L'uomo discuteva con la donna dentro la macchina per concordare le pratiche della separazione, quando una pattuglia di vigili affiancata all'autovettura li ha fatti scendere, sanzionandoli  come da regolamento 300 euro a entrambi - predisposto dal sindaco della frazione aretina di San Zeno. All'inizio l'uomo non chiarifica alla polizia locale, che quella lucciola è sua moglie, ma non vuole neanche pagare.

Dopo qualche mese il 60 enne presenta il ricorso con certificato che attesta di essere il marito dalla 29 enne nigeriana. A questo punto la coppia verrà rimborsata perché non ha commesso nessun reato.