domenica 5 luglio 2015

Ragazza indiana si suicida perché non ha il WC a casa




Una ragazza indiana di 17 anni stanca e triste di non avere il WC a casa ha deciso di farla finita. La giovane era costretta a fare qualche chilometro per non essere vista dai contadini del posto. Dopo l'ennesimo no da parte dei genitori di costruire un gabinetto che mettesse fino all'umiliante rito, la ragazza si è tolta la vita.

A quanto sembra i risparmi dei genitori servivano per farla sposare. In India specialmente nelle zone più arcaiche è consuetudine che il padre della sposa provveda a tutte le spese matrimoniali. Le autorità hanno svolto un'indagine verificando l'assenza dei servizi igenici nella casa della ragazza e in altre abitazione adiacenti. Ora in base all'ordinanza verranno costruiti dei gabinetti a norma all'interno delle abitazioni. È qualcosa di assurdo che nel 2015 ci sono ancora persone prive di servizi igenici all'interno della propria dimora, ma è ancora più assurdo che una ragazza di 17 anni ha preferito morire, pur di continuare a vivere senza un WC in casa. Ora grazie al suo sacrificio, le persone del villaggio potranno vivere una vita più dignitosa.