sabato 3 ottobre 2015

Monsignore: sono gay amo un altro uomo

Il Vaticano è sotto shock per un'intervista rilasciata dal monsignore Krzysztof Charamsa, in cui il prelato e teologo ufficiale della Congregazione per Dottrina della fede ha confessato la sua omosessualità e di amare un altro uomo. Il vescovo ha detto 'È giusto che la chiesa sappia chi sono: un sacerdote omosessuale'.


Una notizia che di certo non poteva passare inosservata quella del Corriere della Sera, che scuoterà ancora più profondamente l'animo della chiesa, in cui un sacerdote ha deciso di dichiarare apertamente della sua omosessualità. Krzysztof Charamsa è pronto a pagarne le conseguenze, ma è convinto che la chiesa debba iniziare ad aprire gli occhi di fronte all'omosessualità e che l'astinenza è qualcosa di impensabile e disumano. Il sacerdote ha continuato 'Noi ci amiamo secondo natura, non è un peccato'.

Sulle ragione del suo coming out spiega: 'Arriva un tempo in cui qualcosa dentro di te si rompe e non puoi più stare zitto. È Dio stesso che mi ha dato la forza per comunicare al mondo e alla chiesa della mia natura'. Secondo il sacerdote alla vigilia del Sinodo della Famiglia non poteva esserci che momento migliore di parlare apertamente del proprio amore verso un'altra persona. Ogni tipo d'amore  - ha continuato deve essere protetto dalla chiesa.