giovedì 12 novembre 2015

Stupro, il giudice 'poteva chiudere le gambe'



'Se non voleva essere toccata, doveva abbassare il sedere e chiudere le gambe con le ginocchia unite'. Con questa frase choc, un giudice della Corte Federale del Canada ha spiazzato tutti assolvendo il presunto stupratore e lasciando senza parole la 19 enne vittima della violenza. Una frase maschilista senza ritegno per arrivare alla motivazione dell'incolpevolezza dell'uomo e nessuna opposizione da parte della ragazza. Per il giudice la giovane era consenziente. 




La vicenda giudiziaria è comunque andata avanti, con ricorso in appello e nuovo processo ai danni dell'imputato. Lo sdegno contro il giudice Camp non si è esaurito tanto che un gruppo di giuristi ha presentato un esposto contro di lui. La Corte Federale canadese ha aperto un'inchiesta interna e ha deciso di sospendere il giudice Camp. L'umo dovrà seguire un corso sull'educazione e sensibilità del genere.