lunedì 25 aprile 2016

AUSTRIA: VINCE L'ESTREMA DESTRA



Un cambiamento politico sta sommergendo l'Austria, si chiama estrema destra. Le paure di una invasione di migranti hanno innescato le fobie degli austriaci che contro ogni aspettativa, il popolo ha mostrato la propria preferenza per i nazionalisti guidati da Norber Hofer. In contrapposizione c'è stata una vera deblacle per i partiti tradizionali e socialisti. In base alle ultime proiezioni, il nazionalista Norber Hofer del Partito della Libertà ha ottenuto il 36% dei voti, seguito dal verde Alexander van der Bellen (20%), e dall'indipendente, Irmgard Griss (18,6%). Gli altri, in particolare socialdemocratico Rudolf Hundstorfer ha raccolto un misero 11,2%, peggio di lui Andreas Khol del Partito del Popolo.

Il successo del FpOe, che in passato fu dell'eclettico Jorg Haider, morto nel 2008 - è il miglior risultato di sempre. il Leader Heinz-Christian Strache ha detto 'Abbiamo scritto la storia, oggi inizia una nuova era politica". Inutile ricordare che i consensi sono arrivati grazie alla politica a favore dell'elettorato per la crisi dei migranti che insistentemente vogliono sbarcare nel Nord Europa. Non a caso Hofer, 45enne ingegnere ha annunciato al presidente austriaco di sfiduciare il governo se non adotterà misure più restrittive e dure sui migranti. La vittoria dell'estrema destra austriaca è stata vista di buon grado da altri politici europei come Salvini a Le Pen, a Wilders. Tutto ciò potrebbe avere un peso diverso all'interno della comunità europea.