Ricca anziana lascia la sua casa ai profughi, i vicini si infuriano Passa ai contenuti principali

Ricca anziana lascia la sua casa ai profughi, i vicini si infuriano


Maria G è una signora di 90 anni: una vita agiata grazie a una gestione oculata di una passata eredità e numerosi sacrifici. Eppure non ha mai dimenticato di quando era giovane, conoscendo di persona la fame e la disperazione della guerra. Per questo nell'immagine di quei corpi annegati ha deciso secondo lei di fare la scelta giusta: quella di offrire la sua villetta a due piani a 10 profughi, garantendogli un tetto per il futuro.


La signora voleva stare nell'ombra, ma il suo gesto non è passato inosservato, a raccontare della sua donazione è stato il prete del paese e suo nipote. ''Ci sono dei cristiani a parole e persone che lo sono nei fatti'' - ha così voluto commentare il nipote. Quando la nonnina ha visto quelle immagini di 800 persone morte in mare ha telefonando dicendo di voler lasciare la casa più grande ai profughi per andare in una più piccola. La signora Maria aveva affittato la villetta con regolare contratto alla Onlus accontentandosi metà del valore di mercato. Il sacerdote racconta '' Quando l'ho incontrata mi ha voluto parlare delle difficoltà della guerra dei suoi amici e coetanei''. Secondo il prete la tragedia di quei profughi ha fatto tornare in parte alla mente le sue passate difficoltà, immedesimandosi nella disperazione di quelle persone. Il sacerdote continua questa è la dimostrazione di un'altra cultura veneta contro il pensiero leghista e alla manifestazione del 15 maggio quando i cittadini scenderanno per le vie del paese in fiaccolata per protestare contro la messa a disposizione di molte case di accoglienza a favore dei migranti.

La decisione della signora non è piaciuta sopratutto ai vicini. Qualcuna nel riserbo ha detto '' Ho pianto per giorni quando ho saputo che sarebbero arrivati, sono troppo diversi da noi'' 

Post popolari in questo blog

CONCORSO a tempo indeterminato educatore asilo nido: scad. 29 giugno 2023

  Il Comune di Misano Adriatico ha indetto un concorso per educatore asilo nido a tempo indeterminato. REQUISITI GENERALI PER L'ACCESSO Cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani i cittadini della Repubblica di San Marino e della Città Del Vaticano) o di uno Stato appartenente all’Unione Europea.; Idoneità psico-fisica all'impiego; Idoneità psico-fisica all'impiego ; Non essere stati licenziati, destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione. REQUISITI SPECIFICI Laurea triennale in "Scienze dell'educazione", classe L-19 a indirizzo specifico per Educatori dei Servizi Educativi per l'infanzia; LM-85 Scienze Pedagogiche; Diploma di laurea (vecchio ordinamento) in Scienze dell'educazione; Diploma di laurea (vecchio ordinamento) in Pedagogia; Titoli equipollenti, equiparati o riconosciuti ai sensi di legge. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE  La domanda di partecipazione alla selezione deve essere presentata esclusivamen

AVVISO DI PROCEDURA per ASSUNZIONE 7 PSICOLOGI: SCADENZA: 17 APRILE 2023

L'Istituto per i Servizi di Ricovero e Assistenza per gli Anziani di Borgo Mazzini - Treviso ha indetto un avviso di procedura per la formazione di una lista di merito di 7 posti nel ruolo di psicologo . La lista di merito ha valenza dalla data di conferimento sino al prossimo 24 febbraio 2024. Il progetto Veneto in Rosa prevede l'assunzione di 7 psicologi, che svolgeranno l'attività di coaching nelle sette provincia della Regione Veneto. Il valore economico dell' incarico individuale, pari a 200 ore ha un valore di 8.000 €. REQUISITI PER L'AMMISSIONE  Cittadinanza italiana equiparata alle norme vigenti; Laurea in Psicologia (vecchio ordinamento); Oppure, Laurea Specialistica (nuovo ordinamento); Abilitazione Professionale. ALMENO 2 TRA I SEGUENTI REQUISITI  Master in Psicologia dell’invecchiamento e della longevità; Qualifica di istruttore di Mindfulness; Specializzazione/attestato di partecipazione/Master in Coaching; Specializzazione/attestato di partecipazione

Gendarmeria Vaticana: Guida Assunzioni 2022 e stipendio

  Ai tempi della Pandemia lavorare presso la Gendarmeria Vaticana è sicuramente una professione ambita per molti giovani che vogliono dare una svolta alla propria carriera professionale, magari già a partire dal 2022.     Per altri è un modo per coronare il sogno di fare parte a un vero corpo di polizia. Per poter entrare nella polizia del Pontefice è necessario essere in possesso di alcune peculiarità.  Dalla ricerche che ho fatto non vi è un vero concorso pubblico come per altri corpi armati, ma comunque esiste un iter da superare e requisiti imprescindibili. Vediamo di cosa si tratta. Alcuni accenni storici  La Gendarmeria Vaticana nasce nel lontano 1816 per volere di Papa VII sotto nome di Carabinieri Pontifici . Trent'anni più tardi, con la caduta della Repubblica Romana, il Papa trasforma i Carabinieri Pontifici in Veliti Pontefici. Nel corso degli anni, la Gendarmeria ebbe un ruolo importante per preservare l'incolumità de Santo Padre. Il Corpo della Gendarmeria ass