Pensioni italiane da fame: metà con meno di 1000 euro Passa ai contenuti principali

Pensioni italiane da fame: metà con meno di 1000 euro

In Italia la metà dei pensionati vive con meno di 1000€ al mese. Stiamo parlando del 42% di ex lavoratori, pari a una piccola nazione di 6,5 milioni di persone. Purtroppo c'è chi sta ancora peggio: il 12,8% ossia 1,88 milioni di italiani percepiscono meno di 500€. I dati sono stati forniti dall'Inps in concomitanza dall'ultimo bilancio sociale del 2014.

Crisi senza fine per i pensionati 

Se poi pensiamo che molti ragazzi vivono ancora in casa dei genitori con una sola pensione, perché senza un impiego e perché è praticamente impossibile essere autonomi in Italia, allora siamo di fronte a una vera tragedia. Il presidente Boeri non nasconde la delusione di non essere risuscito assieme ai tecnici a portare delle modifiche sostanziali in previsione 2016. Non c'è più tempo di tergiversare sulla vita delle persone, eppure il governo Renzi continua a prendere tempo. Nella legge di stabilità i protagonisti hanno modificato soltanto in parte la manovra, portando incongruenze di trattamento tra i vari pensionati. La diseguaglianza è un dato di fatto: ancor più marcata quando ci sono di mezzo persone che campano da un'unica pensione. In particolare per coloro che percepiscono vitalizi e pensioni d'oro, in modo perfetto questa ricchezza dovrebbe essere corrisposta tra i vari ex lavoratori con meno di 500 euro al mese.

Per fare una 'grande nazione' come indica il Premier, il governo deve iniziare a operare dal basso nei confronti delle categorie di cittadini più deboli, invece più del 50% di pensionati è alle prese con una crisi continua. Dal rovescio della medaglia, anche l'Inps non può fregarsi le mani, poiché deve fare i conti con un disavanzo di 7 miliardi di euro. Seppur minore rispetto al 2013, quando l'ammontare era pari a 8,7 miliardi di euro. Tutto ciò ci fa pensare che anche all'interno dell'istituto previdenziale qualcuno è riuscito a riempirsi la pancia, eppure il Re Sole è morto già da 300 anni!

Commenti

Post popolari in questo blog

CONCORSO a tempo indeterminato educatore asilo nido: scad. 29 giugno 2023

  Il Comune di Misano Adriatico ha indetto un concorso per educatore asilo nido a tempo indeterminato. REQUISITI GENERALI PER L'ACCESSO Cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani i cittadini della Repubblica di San Marino e della Città Del Vaticano) o di uno Stato appartenente all’Unione Europea.; Idoneità psico-fisica all'impiego; Idoneità psico-fisica all'impiego ; Non essere stati licenziati, destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione. REQUISITI SPECIFICI Laurea triennale in "Scienze dell'educazione", classe L-19 a indirizzo specifico per Educatori dei Servizi Educativi per l'infanzia; LM-85 Scienze Pedagogiche; Diploma di laurea (vecchio ordinamento) in Scienze dell'educazione; Diploma di laurea (vecchio ordinamento) in Pedagogia; Titoli equipollenti, equiparati o riconosciuti ai sensi di legge. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE  La domanda di partecipazione alla selezione deve essere presentata esclusivamen

AVVISO DI PROCEDURA per ASSUNZIONE 7 PSICOLOGI: SCADENZA: 17 APRILE 2023

L'Istituto per i Servizi di Ricovero e Assistenza per gli Anziani di Borgo Mazzini - Treviso ha indetto un avviso di procedura per la formazione di una lista di merito di 7 posti nel ruolo di psicologo . La lista di merito ha valenza dalla data di conferimento sino al prossimo 24 febbraio 2024. Il progetto Veneto in Rosa prevede l'assunzione di 7 psicologi, che svolgeranno l'attività di coaching nelle sette provincia della Regione Veneto. Il valore economico dell' incarico individuale, pari a 200 ore ha un valore di 8.000 €. REQUISITI PER L'AMMISSIONE  Cittadinanza italiana equiparata alle norme vigenti; Laurea in Psicologia (vecchio ordinamento); Oppure, Laurea Specialistica (nuovo ordinamento); Abilitazione Professionale. ALMENO 2 TRA I SEGUENTI REQUISITI  Master in Psicologia dell’invecchiamento e della longevità; Qualifica di istruttore di Mindfulness; Specializzazione/attestato di partecipazione/Master in Coaching; Specializzazione/attestato di partecipazione

Gendarmeria Vaticana: Guida Assunzioni 2022 e stipendio

  Ai tempi della Pandemia lavorare presso la Gendarmeria Vaticana è sicuramente una professione ambita per molti giovani che vogliono dare una svolta alla propria carriera professionale, magari già a partire dal 2022.     Per altri è un modo per coronare il sogno di fare parte a un vero corpo di polizia. Per poter entrare nella polizia del Pontefice è necessario essere in possesso di alcune peculiarità.  Dalla ricerche che ho fatto non vi è un vero concorso pubblico come per altri corpi armati, ma comunque esiste un iter da superare e requisiti imprescindibili. Vediamo di cosa si tratta. Alcuni accenni storici  La Gendarmeria Vaticana nasce nel lontano 1816 per volere di Papa VII sotto nome di Carabinieri Pontifici . Trent'anni più tardi, con la caduta della Repubblica Romana, il Papa trasforma i Carabinieri Pontifici in Veliti Pontefici. Nel corso degli anni, la Gendarmeria ebbe un ruolo importante per preservare l'incolumità de Santo Padre. Il Corpo della Gendarmeria ass